Candy Candy

Candy Candy

candy-candyE’ inutile fingere. Almeno per una volta nella vita avrete visto un episodio di Candy Candy, la serie animata giapponese (1976, 115 episodi, Toei Animation) che racconta le peripezie di un’orfanella americana nel primo scorcio del novecento. Trasmessa in Giappone dal 1 ottobre 1976 al 2 febbraio 1979, gli episodi arrivano sugli schermi delle emittenti locali italiane a partire dal 1980 e sono promossi soltanto nel 1984 nel circuito nazionale, sulle frequenze di Euro Tv. Dal 1987 il cartone animato approda sulle reti Fininvest, prima su Rete 4 e poi su Italia 1, con una sostanziale novità: la sigla originale cantata dai Rocking Horse (RCA, 1981) viene sostituita dalla lagnosa “Dolce Candy”, interpretata da Cristina D’Avena (Five Music).

 

LA STORIA – Candice White (questo è il nome originale) vive alla Casa di Pony, dove attende di essere adottata. Il destino le riserverà molteplici sorprese: allevata dai ricchi Legan che la sfruttano come dama di compagnia per i viziati figli Neil e Iriza, viene adottata in seguito dagli Andrew. Qui incontra Antony, il primo amore, che disgraziatamente muore cadendo da cavallo. A seguito del tragico incidente, Candy viene inviata, per volontà del misterioso zio William, a studiare in un college londinese dove si ritrova con gli amici di sempre (Annie, Archie e Stear) ma anche con i perfidi Neil e Iriza, che continueranno a prepararle tranelli. Comincia per Candy una tortuosa odissea fatta di gioie e dolori (l’amore ostacolato per il giovane Terence) che la ricondurranno in America. Alla fine studierà per diventare un’infermiera professionista e troverà la vera felicità al fianco di Terence. Questa soap opera animata del Sol Levante è nata dall’omonimo shojo manga (il fumetto nipponico sentimentale) del 1975 con i disegni di Yumiko Igarashi e i testi di Kyoko Mizuki.

 

DAL MANGA ALL’ANIME – Attingendo al romanzo d’appendice europeo e al filone letterario che trasforma gli orfanelli in piccoli eroi della quotidianità, Igarashi e Mizuko sono molto abili a ritrarre le piccole emozioni della vita. Nella versione a cartoni, che ha fatto il giro di mezzo mondo, la censura ha costretto le autrici ad ammorbidire scene un po’ spinte e alcuni abitini sgargianti, insidiosi per il piccolo pubblico del bigotto teleschermo europeo. Il percorso esistenziale di Candy è molto dinamico dal punto di vista narrativo. La “signorina sbadatella” è dolce e ribelle, testarda ed emotiva, spirito libero e tenace. Le esperienze della vita le insegneranno a diventare una donna saggia e responsabile che guarda al passato con la giusta misura. La creatività degli umili come Candy vince sempre e irrompe nella noiosa quotidianità della famiglia Andrew, emblema della decadente aristocrazia americana. All’interno della famiglia c’è chi si ribella: Anthony che si rifugia negli atteggiamenti dell’eroe romantico; Stear che morirà volontario in guerra e, soprattutto, Albert (in realtà il misterioso capofamiglia William Andrew) che sceglie una vita vagabonda alla ricerca della libertà. La fine tragica dei cugini Anthony e Stear è una sorta di sacrificio inevitabile. E poi cosa dire di Terence? E’ anche lui un ribelle, che da sempre rinnega l’alta società a cui appartiene per cercare di vivere la realtà da vicino. La scelta di affermarsi come attore sulle scene di Broadway lo conferma. Non dimentichiamo che l’arte del palcoscenico è un mestiere diabolico per alcuni ceti sociali. Terence, tuttavia, esprime anche i tratti di un romanticismo più solitario e cupo che si materializza nelle malinconiche note della sua armonica. L’amore non può e non deve essere riconoscenza o solidarietà. Per questo motivo, messi da parte i sensi di colpa, lascia la fidanzata Susanna per trovare al fianco della sua “signorina tutte lentiggini” la strada della felicità. Meritano una nota anche alcuni comprimari come l’amica del cuore Annie, il fidato Archie, l’insicura Patty, la razionale Flanny, e il tenero Clean, l’inseparabile animaletto che accompagnerà Candy in tutta la vita.

 

AL CINEMA – La formula del manga (mai pubblicato in Italia) come quella del cartone è vincente, tanto che nei primi anni ottanta sono state realizzate due versioni cinematografiche (Candy Candy, Candy e Terence). In quasi tre ore sono stati ritagliati e condensati tutti gli episodi, con il fatidico incontro finale tra Candy e Terence che non appare nella serie televisiva. E’ comunque soltanto un gioco di montaggio voluto dagli adattatori italiani. Nel fumetto, infatti, Candy scopre che Albert, oltre ad essere il suo benefattore, è anche quel principe della collina che aveva da sempre amato. I risvolti sono pertanto diversi. Lodevole come sempre il doppiaggio italiano ed, in particolare, quello di Laura Boccanera che presta la voce a Candy.

 

GLI EPISODI – 1. Il compleanno di Candy 2. Il pic-nic di Candy e Annie 3. Addio Annie 4. Una lettera di Annie 5. Addio amici 6. Il principe sulla collina 7. Non sembro una signora? 8. Un felice invito 9. Una meravigliosa festa da ballo 10. Dalle stelle alle stalle 11. Il regalo di Annie 12. Dolce Candy 13. Un nuovo amico 14. Caro vecchio albero 15. Una decisione infelice 16. Viaggio in un paese sconosciuto 17. Nell’arido selvaggio West 18. La croce della felicità 19. Un viaggio difficile 20. Candy è felice 21. Ali d’amore 22. Anthony non mi lasciare 23. Il primo appuntamento 24. Il mio Anthony 25. Coraggio Candy 26. Papà albero sa tutto 27. Un dono degli angeli 28. Il dolore di Candy 29. Una partenza piena di speranza 30. Una lunga traversata 31. Candy a Londra 32. Un’altra collina di Pony 33. Una strana allieva 34. Una lettera di Pony 35. Una bellissima domenica 36. Annie torna a sorridere 37. Un incontro inatteso 38. Il segreto di Terence 39. Il tesoro di Patty 40. E’ facile uscire di prigione 41. La festa di maggio 42. Un pic-nic a mezzanotte 43. Scuola estiva sul lago 44. I vincoli del sangue 45. La festa di Iriza 46. L’estate è finita 47. La diabolica trappola di Iriza 48. Fra quattro gelide pareti 49. La grande decisione di Terence 50. Candy lascia il collegio 51. La lunga strada verso il porto 52. La famiglia Carson 53. L’alba al monte Rodnay 54. Il porto di Southampton 55. I due clandestini 56. La tempesta 57. Sandra 58. Candy torna alla casa di Pony 59. Un’insegnante poco severa 60. Jimmy se ne va 61. La grande decisione 62. Verso una nuova vita 63. Uno strano esame 64. Un’infermiera sbadatella 65. Un’allegra infermiera 66. Lo zio William 67. Chi è Mina? 68. Quando i fiori appassiscono 69. Ricordo di una rosa 70. Il segreto di Tom 71. Un marinaio in collina 72. Un paziente speciale 73. Scoppia la guerra 74. Una grande città: Chicago 75. A casa Andrew 76. La piccola casa sull’albero 77. Michael 78. L’armonica di Terence 79. Dietro i riflettori 80. Un breve incontro 81. Un incidente 82. Charlie 83. Un fantasma gioca a carte 84. Una partenza improvvisa 85. La famiglia Hamilton 86. Albert ha perso la memoria 87. L’esame 88. Un’infermiera diplomata 89. La scomparsa di Albert 90. Una casa a Chicago 91. Due cuori lontani 92. La decisione di Stear 93. Un simpatico Cupido 94. Un viaggio movimentato 95. La Florida 96. Preparativi 97. New York 98. La sera della prima 99. Separazione 100. Ritorno a casa 101. Una traccia di memoria 102. Una croce sulla collina di Pony 103. Un viaggio pericoloso 104. Grey Town 105. Arthur 106. Margot 107. Due bravi cuochi 108. Il telegramma 109. Lacrime di un piccolo cow-boy 110. Neal 111. Albert riacquista la memoria 112. Il tranello 113. Stear 114. Matrimonio a sorpresa 115. La verità.

freccia_indietro

Pipolo.it
Pipolo.it

Leave a Comment