Dallas e Dynasty

Dallas e Dynasty

dallasLe vicende delle famiglie più potenti del piccolo schermo, gli Ewing e i Carrington, hanno attratto per tutti gli anni ottanta milioni e milioni di casalinghe. Per sfuggire al grigiore del quotidiano, basta un po’ di immaginazione per trovarsi faccia a faccia con lo spietato J. R. (in Italia Gei Ar) e la sua corsa irrefrenabile verso il potere. Lo spettatore resta incollato alla tivù e sogna una vita come quella dei due capostipiti Blake Carrington e John Ross Ewing., sia a Dallas o a Denver, le due città dove si svolgono i due serial Dallas e Dynasty. 

 

DALLAS – Dallas presenta una strana anomalia: al suo debutto italiano, in seconda serata su Rete 1 nel giorno di San Valentino del 1981, non riscuote il successo sperato. Il motivo? Un brutto tiro giocato dalla censura. La televisione di stato aveva inviato un referente vaticanista negli Stati Uniti a selezionare gli episodi . Molte puntate sono lasciate nei magazzini statunitensi e così il pubblico italiano si trova a seguire una serie senza i raccordi narrativi fondamentali. Ma ad intuirne la fortuna sono i responsabili della programmazione della nascente Canale 5, che acquistano in blocco tutto il pacchetto degli episodi direttamente dall’americana CBS. Dallas entra nell’olimpo della televisione e si qualifica tra i primi dieci programmi più visti nella storia del piccolo schermo. Sesso, amore, potere sono all’ordine del giorno nel cuore del Texas dove la famiglia Ewing cerca in tutti i modi di tenere testa al mercato petrolifero statunitense attraverso la Ewing Oil, l’azienda di famiglia che, dopo la morte del vecchio John Ross, passa ai figli J.R. (l’ineguagliabile Larry Hagman) e Bobby (Patrick Duffy). Le cose si complicano nel momento in cui il giovane Bobby si innamora e sposa Pamela Barnes (Victoria Principal), figlia del nemico numero uno di famiglia. La saga, nel corso dei 356 episodi, si arricchisce di numerosi comprimari tra cui gli indimenticabili Sue Ellen (Linda Gray), Eleanor Ewing (Barbara Bel Geddes), Cliff Barnes (Ken Kercheval), Jenna Wade (Priscilla Presley), Ray (Steve Kanaly) e Lucy Cooper (Charlene Tilton). Tuttavia, il leggendario numero uno della saga firmata da David Jacobs è Gei Ar, il più spietato e affascinante degli Ewing, che terrà incollati senza fiato quasi 90 milioni di telespettatori americani nella famosa puntata “Chi ha sparato Gei Ar?”.

 

DYNASTY – Per abbattere la concorrenza, la Retequattro di Mondadori acquista nel 1982 l’avvincente saga della famiglia Carrington: Dynasty. Ideato da Richard ed Ester Shapiro e trasmesso dal 14 settembre 1982 in prima serata, il serial racconta in 217 puntate il mondo che ruota attorno alla famiglia di Blake Carrington (John Forsyte). Fallito il matrimonio con la perfida Alexis (Joan Collins), il petroliere del Colorado si risposa con l’ex segretaria Krystle (Lynda Evans). Oltre ai quattro figli avuti dal primo matrimonio – Adam (Gordon Thomson), Fallon (Emma Samms), Steve (Al Corley/Jack Coleman) e Sammy Jo (Heather Loacker) – si alternano nel serial una moltitudine di personaggi tra cui vanno ricordati Dexter (Michael Nader), Jeff Colby (John James), Claudia Barrows (Pamela Bellwood), Kirby Colby (Kathleen Beller), e tra le guest stars, il divo Rock Hudson nel ruolo di Daniel Reece. Dynasty si conclude nel 1990, con alle spalle otto stagioni di successi e meritati premi. La serie ha rievocato, sulla stessa scia di Dallas, il rampantismo a stelle e strisce dell’America reaganiana. in sostanza, la morale delle storie è chiara: la scalata verso il potere e il successo, a qualsiasi prezzo e sacrificio, prima o poi logora chi la intraprende. I perfidi come Alexis e Gei Ar riescono sempre a farla franca in un meccanismo corrotto e spietato, che per certi aspetti anticipa addirittura le incrinature dell’America del terzo millennio.

 

CONFRONTI – In questo senso, il Texas di Dallas – che alla fine degli anni settanta stava vivendo un vero boom economico – e il Colorado di Dynasty si assomigliano. La cattiveria spesso prende il sopravvento su tutto e spazza via coloro che non riescono a stare alle regole del gioco, un gioco insudiciato dai milioni di dollari che ovattano la vera essenza delle personaggi che vi prendono parte. Le dune del potere scalate dagli Ewing e dai Carrington trascrivono la nuova epopea di una nazione che vuole continuare ad essere con arroganza paladina nel mondo. Il tempo ce ne darà ragione. Il successo di Dynasty ha portato sullo schermo alla fine degli anni ottanta lo spin-off I Colby, ovvero una serie dove la saga dei Carrington si incrocia con quella della potente famiglia Colby, il cui patriarca è interpretato da un anziano Charlton Heston. Per gli appassionati della famiglia Ewing, si segnalano invece tre film sequel della serie: Dallas – i primi tempi (1986); Dallas – il ritorno di J. R. (1996) e Dallas – la guerra degli Ewing (1998).

freccia_indietro

Pipolo.it
Pipolo.it

3 thoughts on “Dallas e Dynasty

giancarloPosted on  1:12 am - Mag 23, 2012

Grazie amici per Dallas Dynasty e I Colby(che vorrei presto rivedere in TV!!!), vorrei segnalarvi anche il caso di Falcon Crest e California due ottimi serial il cui ciclo non è stato fatto terminare da nessuna rete italiana!!!A differenza di tantissimi altri paesi nel mondo dove le avventure dei Channing e dei Gioberti e per quanto riguarda California la cittadina di Knots Landing sono state trasmesse con grande successo!!!Vorrei fondare un fan club italiano di Falcon Crest il serial che amo di più potreste aiutarmi? VI RINGRAZIO INFINITAMENTE!!!

giancarlo mercatelliPosted on  1:22 am - Ott 21, 2012

Grazie a Canale 5 per il continuo di Dallas!!!Continuo però a vedere che nessun’altra rete trasmette gli inediti di Falcon Crest e California!!!Grande peccato!!! ed anche grande errore trasmettere Dallas contro la partita dell’Italia!!!GRAZIE al Signor Pipolo ed anche a Canale 5!!!

giancarlo mercatelliPosted on  1:22 am - Ott 21, 2012

Grazie a Canale 5 per il continuo di Dallas!!!Continuo però a vedere che nessun’altra rete trasmette gli inediti di Falcon Crest e California!!!Grande peccato!!! ed anche grande errore trasmettere Dallas contro la partita dell’Italia!!!GRAZIE al Signor Pipolo ed anche a Canale 5!!!

Leave a Comment