Eva Kant, intervista immaginaria

Eva Kant, intervista immaginaria

150x150-eva-kantAngela e Luciana Giussani, dopo aver ideato Diabolik, hanno un altro colpo di genio: nel marzo 1963, infatti, danno vita ad Eva Kant. Fu uno splendido diamante a far incontrare ed innamorare i nostri due eroi. Per lei Diabolik è “duro, spietato, pragmatico, geniale e… tremendamente dolce”. Per festeggiare il 40° compleanno della compagna del re del brivido, lasciamo parlare l’eroina più affascinante ed intrigante del fumetto italiano. Vi proponiamo un’intervista rilasciata da Eva Kant nel 1969 alla rivista IL FUMETTO.

 

Eva Kant, come si considera: la fidanzata, la donna oppure l’amante di Diabolik?

“Che differenza c’è fra queste parole? Scusi la mia ignoranza,ma io non la capisco. Fidanzata mi fa un po’ ridere, mi sembra di sentir parlare mia nonna. Donna di Diabolik cosa può significare se non amante? Non penserà che sia la donna di servizio di Diabolik? Ri mane amante, ma allora è poco. Io sono anche collaboratrice, amica, consigliera, confidente, tutto insomma! “

Si sente realizzata come compagna di Diabolik?

“Certo, altrimenti me ne andrei”.

 

Perché, secondo lei, Diabolik commette furti? Solo per vivere?

“Diabolik e io commettiamo furti perché amiamo l’avventura. Per vivere ci sarebbe bastato il primo colpo. E’ divertente neutralizzare tutti i sistemi d’allarme con cui la gente protegge le sue ricchezze. Lui ed io siamo un vulcano di idee. Le sorelle Giussani ci fanno sempre fare un’ottima figura, siamo considerati molto intelligenti e astuti”.

 

Prevede che un giorno si sposerà con Diabolik? Lui glielo ha mai chiesto?

“Ma lei è fissato con la mia vita sentimentale! Le confiderò un segreto: Diabolik aspetta da anni che io gli chieda di sposarlo, sa come sono gli uomini, vogliono sempre regolarizzare la loro posizione, ma io non lo farò. Noi due stiamo bene insieme e questo basta. Con o senza matrimonio, quel giorno che il nostro accordo si rompesse, ci lasceremmo”.

 

Legge fumetti di tanto in tanto? Quali?

“Leggo le strisce di Chiappori. Il suo omino mi piace, non ne lascia passare una! Se mi invitasse nella sua vignetta ci andrei volentieri… ruberei tutte le sue battute!”

 

DICONO DI LEI – Angela e io abbiamo tentato di infondere a Eva Kant sentimenti e passioni che forse noi donne “sentiamo” più degli uomini. (Luciana GiussanI)
Noi ignoriamo come Diabolik faccia l’amore con Eva,esattamente come ignoriamo i suoi gusti culinari. Il sesso viene gridato, pubblicizzato,esasperato solo da chi, infantilmente, lo considera traumatizzante. (Angela e Luciana Giussani)
Eva ha tutto. Un nome che evoca la femminilità per eccellenza. Un nome talmente impensabile e importabile da rasentare il genio. Una bellezza assoluta. (Lella Costa)
Vorrei che fosse chiaro che se Eva e Diabolik dormono in letti separati non è per loro scelta: è colpa di un pretore di Lodi. (Angela Giussani)

freccia_indietro

Pipolo.it
Pipolo.it

Leave a Comment