La Pantera Rosa

La Pantera Rosa

La Pantera Rosa

Quella simpatica canaglia della Pantera Rosa, rivestita dal tocco surrealista che fa il verso a Salvador Dalì, è nata per uno schiribizzo da “titoli di testa”. Sì, perché di certo il suo non era un destino riservato ai personaggi che nascono e vivono nel mondo dei cartoni animati. E poi il suo nome di battesimo si riferisce ad un prezioso diamante, che è il motore dell’azione della fortunata serie di film diretti da Black Edwards tra il ‘63 e il ‘93, la Pantera Rosa per l’appunto.

 

TITOLI DI TESTA – Capita anche questo, come scrisse a suo tempo Time Magazine, che “i titoli di testa” prendano il sopravvento sulla storia, quelle delle peripezie dello svitato Ispettore Clousoe. David DePatie e Friz Freleng, due fuoriclasse dell’animazione, mettono a punto la sagoma di un felino che ha il portamento di Cary Grant e l’espressione mimica di Buster Keaton. Un felino tutto “pink”, così carismatico da contagiare persino i colori della moda di quegli anni, destinato a diventare un personaggio regale dell’immaginario popolare: il motivetto jazz scritto da Henry Mancini dà quel tocco finale che decreta la longevità del successo della Pantera Rosa.

 

MINIMALISMO – Il minimalismo del disegno, l’atteggiamento tipicamente aristocratico “very British”; quell’essere sofisticato, residuo dell’American way of Life degli anni ’50; la sembianza buffa tra i lunghi baffi e il naso rosso, fanno di Pink Panther una vera icona dell’ultima stagione del surrealismo. Quello iconografico che controbatteva le inquietudini e i sussulti rivoluzionari che caratterizzavano gli anni sessanta, al di là della Manica così come oltre Oceano.

 

PINK PANTHER –  I 123 cortometraggi a cartoni animati consegnano la complessità del mondo degli adulti alla spensieratezza dell’infanzia, persino quando nella metà degli anni ’80 i diritti della Pantera Rosa finiscono alla premiata ditta Hanna & Barbera. Alcuni musicisti come Nicola Conte, Fatboy Sim e Peggy Lee le hanno fatto il filo dedicandole alcuni brani inediti.

indietro

Pipolo.it
Pipolo.it

Leave a Comment