Lego

Lego

150x150-legoE pensare che la storia della Lego, il marchio dei mattoncini delle costruzioni più famose del mondo, è legato all’inventiva di un falegname. Sì è proprio l’intuito del signor Ole Kirk Christiansen a tirar fuori un prodotto che avrebbe rivoluzionato il mondo dei giocattoli. Siamo nel 1916 e nella cittadina di Billund, in Danimarca, Christiansen apre una bottega di falegnameria. La sua attività artigianale si occupa di costruzioni e arredi interni. Negli anni trenta del secolo scorso, per ridurre i costi, produce versioni in miniatura della sua attività. Da qui il lampo di genio e così si lascia trascinare dalla produzione di giocattoli. Nel 1934 nasce il marchio Lego, che coniuga varie interpretazioni: dalla locuzione danese (gioca bene) al latino (metto assieme), facendo riferimento al finlandese di denti e Ala loro forma rettangolare.

 

COSTRUIRE IN STILE LEGO – A seguito della diffusione della plastica come materiale, nel 1947 sono prodotti i primi mattoncini, con cui è assemblato un camion. Gli Automatic Bindings Bricks, ispirati a quelli prodotti dalla Kiddicraft, iniziano ad essere notati dai consumatori nel 1953 quando si impongono sul mercato col nome di “Lego Bricks”. Per agevolare il collegamento e incrementare la stabilità dei pezzi,è introdotto un cilindretto nella cavità inferiore. Con l’introduzione delle ruote tra il 1961 e il 1962, si iniziano a costruire le prime automobili con i pezzetti di Lego, mentre nel ’74 è la volta dei pupazzetti con braccia movibili. Quattro anni dopo quei pupazzetti entrano nell’immaginario collettivo con un volto riconoscibile. Nel 1992 il brand entra nel Guinness dei primati: bastano 400.000 mattoncini per costruire un vero castello in puro stile Lego! Pare che ogni abitante del mondo possieda in media 62 mattoncini della Lego e più di quattro miliardi di personaggi Lego siano sparsi su tutto il pianeta!

 

LEGOLANDIA – Oltre al parco danese nella città di Billund, sono stati costruiti diversi parchi tematici in giro per il mondo: dal Legoland Windsor in Inghilterra al Legoland California a Carlsbad. A Legoland continua a vivere tutto il mondo Lego, che ancora oggi continua a conquistare grandi e piccini. Perché i Lego piacciono ancora? Nell’epoca digitale, dove è più facile attirare un bimbo con l’invasione visiva di una Playstation, questi mattoncini colorati sono un’eccezione. Continuano a trasmettere un senso di libertà: libertà di ingegnarsi, libertà di cercare nuove traiettorie, libertà di creare senza schemi, consolidando il primato della fantasia. Ciò che contraddistingue queste costruzioni è l’alta combinazione numerica di incastri. Le imitazioni sono state tante, eppure il brand danese ha segnato l’evoluzione della storia dei giocattoli nel XX secolo.

freccia_indietro

Pipolo.it
Pipolo.it

Leave a Comment