Uovo di cioccolato a Pasqua

Uovo di cioccolato a Pasqua

150x150-uovo-di-pasquaIl simbolo della Pasqua resta in assoluto l’uovo di cioccolato. In tutto il mondo vengono regalati nel giorno pasquale milioni di uova, per la gioia di grandi e piccini. Eppure questo simbolo che lega la ritualità della festa sacra a quella profana, ha origini molto antiche. L’uovo, infatti, è stato da sempre l’emblema della vita. Già i filosofi dell’Antico Egitto lo consideravano il fulcro dei quattro elementi dell’universo.Molti concordano sul fatto che tra i primi ad usare l’uovo come oggetto benaugurante sia stato il popolo persiano, che festeggiava l’arrivo della primavera con lo scambio di uova di gallina.

 

DALLA FRANCIA AD ISRAELE – In Occidente questa usanza risale al 1176. Infatti, il capo dell’Abbazia di St. Germain-des-Près donò a re Luigi VII, appena rientrato a Parigi dalla II crociata, prodotti delle sue terre, incluse una grande quantità di uova. La tradizione di regalare uova è collegato al fatto che la Pasqua era in origine associata alla festa della primavera, dunque anche alla fecondità e al rifiorire della natura. L’uovo è appunto simbolo della vita che si rinnova ed auspicio di fecondità. Gli israeliti, ad esempio, usavano offrirlo in dono agli amici o lo regalavano a chi festeggiava il compleanno. Persino in diverse tradizioni precristiane si prediligeva l’ipotesi che la vita nascesse dalla prima cellula originaria, cioè l’uovo. Per i cristiani acquista anche una simbologia particolare: l’uovo non solo è vita, ma rappresenta la rinascita della vita dopo la morte.

 

ENERGIA – L’uovo, secondo la nostra tradizione, simboleggia la resurrezione e nei tempi che furono era simbolo di fertilità, “un dispensatore di energia, un dono gradito per gli dei”, e veniva utilizzato anche per ornare le tombe dei morti. Durante il periodo quaresimale, momento di penitenza e riflessione, le uova erano assolutamente vietate. Pertanto, nel giorno della Santa Pasqua, si consumavano tutte quelle che si erano accumulate. Data l’enorme quantità, si utilizzavano anche per diversi giochi. In principio, le uova si coloravano solo di rosso, il colore del sangue di Cristo, mentre in seguito sono state utilizzate le tonalità e le decorazioni più disparate.

 

LEGGENDA – A proposito di leggende, si narra che Maria Maddalena si presentò all’imperatore Tiberio per regalargli un uovo dal guscio rosso, testimonianza della Resurrezione di Gesù. Un’altra versione vuole che Maria, Madre del Cristo, portò in omaggio a Ponzio Pilato un cesto dorato pieno di uova per implorare la liberazione di Suo Figlio. A seguito del rifiuto del procuratore romano della Giudea, per il dolore lasciò cadere il canestro con tutte le uova, le quali rotolarono in ogni angolo della Terra. Al di là di ogni verità, le uova di cioccolato bandiscono da sempre le nostre tavole nel giorno di Pasqua, e in qualità di creatività e di gusto i maestri pasticcieri italiani si distinguono ancora per le loro composizioni originali.

freccia_indietro

Pipolo.it
Pipolo.it

Leave a Comment