Yahoo!

Yahoo!

150x150-yahooDavid Filo e Jerry Young sono due studenti universitari quando nel 1994 sistemano e a catalogano i loro link di interesse.Tutto accade nelle aule della Stanford University: l’elenco inizia ad essere troppo lungo, e così dalla suddivisione delle categorie si passa alle sottocategorie. Per il loro piccolo sito di catalogazione scelgono il nome di Yahoo, ovvero acronimo “Yet Another Hierarchical Officious Oracle”, giusto per dire che si tratta di qualcosa di molto rozzo. Inizialmente il progetto resta sui loro pc, poi inizia ad essere utilizzato da tutti gli studenti dell’università americana. Cosa fare quando un bel giorno ti svegli e trovi che il tuo sito raggiunge un milione di contatti? David e Jerry si guardano negli occhi e non perdono tempo a sviluppare quello che sarebbe diventato il primo motore di ricerca della storia di Internet.

 

LE SFIDE DI YAHOO! – Sequoia Capital finanzia i due giovani intraprendenti che, nel 1995, con un investimento di due milioni di dollari, si imbarcano nell’avventura chiamata Yahoo!. La società cresce sempre di più e, al di là del motore di ricerca, cerca nuove vocazioni nell’altalenante sviluppo della rete: dai servizi Internet alla diffusione dei media. Oggi Yahoo! offre una miriade di servizi gratuiti per gli utenti, dove primeggia la casella e-mail illimitata e sempre pronta a nuove sfide ed evoluzioni. Sbirciando nella home page, diversificata da paese in paese, Yahoo! attira milioni di utenti nei vari canali, passando per Auto, Film, Giochi, Shopping, Viaggi e così via. Insomma, una rotta che guarda l’intrattenimento a 360°.

 

YAHOO! OGGI – Società leader per quanto riguarda la comunicazione in rete, Yahoo! ha un’utenza di quasi 400 milioni di persone in tutto il mondo. La società nata per hobby fornisce alle imprese un’ampia scelta di servizi on line per sostenerle nello sviluppo. La sede principale è Sunnyvale, in California, ma adesso ha uffici in Europa, Asia, America Latina, Australia, Canada e nel resto degli Stati Uniti. Attraverso le sedi locali, Yahoo! raggiunge un altro obiettivo importante: centrare le esigenze del bacino d’utenza, mettendo in risalto le potenzialità di quella nazione. Il 1 febbraio 2008 Microsoft, in calo di introiti per quanto riguarda l’off line, punta allo sviluppo di una strategia che la veda protagonista nei servizi on line per contrastare direttamente Google. Bill Gates lancia un’offerta di quasi 45 miliardi di dollari sulla società fondata da Filo e Young. La trattativa fallisce, mentre Yahoo! continua a crescere per essere il faro luminoso dell’olimpo del web.

 

freccia_indietro

Pipolo.it
Pipolo.it

Leave a Comment